passeggiate d'autore - search results

If you're not happy with the results, please do another search

Quattro percorsi: da Piazza del Campidoglio a Piazza Farnese, da via dei Cerchi a Palazzo Montecitorio, dal Pincio a Piazza Barberini, ed infine da Porta Pia all’Isola Tiberina. Cinquantasei personaggi che hanno in qualche modo vissuto a Roma raccontati attraverso targhe e iscrizioni disseminate nelle strade e nei vicoli della Città Eterna.  Che Giuliano Capecelatro, ex inviato dell’Unità, col suo “Passeggiate d’autore” definisce “…straordinaria…e straordinariamente complessa…”

Una carrellata di personaggi raccontati con ironia: James Joyce che alloggiava nella pensione di via Frattina;Giacomo Leopardi insofferente che si consola visitando la tomba del Tasso; la casa di Sordi in via Druso; l’assassinio di Francesco Cenci e l’esecuzione in piazza di sua figlia Beatrice; il Teatro Jovinelli di Ettore Petrolini; Gabriele Rapagnetta in arte D’Annunzio in fuga da una Roma che pullulava di creditori; l’imponente targa commemorativa di Cristina di Svezia, lesbica dotata di uno spirito tenace e indipendente, ma altrettanto attratta dal potere; via Merulana e lo “gnommero” di Carlo Emilio Gadda; il monumento a Giordano Bruno che al tempo (1889), dal Vaticano e dai papisti, fu interpretato come un affronto; il rione S. Eustachio di Giuseppe Gioacchino Belli, raccontato in una veste forse meno conosciuta, ovvero quando ottenne l’incarico di censore della morale pubblica, ormai totalmente conquistato alla reazione, e finì per censurare anche i suoi sonetti…
Leggere Passeggiate d’autore è come “sfogliare l’album di famiglia, il racconto per immagini delle proprie radici” per ritrovare e  fare un po’ anche nostro, il tempo perduto.
Giuliano Capecelatro
PASSEGGIATE D’AUTORE
Iacobelli Editore

barcellona

Alcuni scrittori spagnoli hanno raggiunto negli ultimi anni una grande popolarità tra i lettori italiani e hanno reso familiari ambientazioni e luoghi, strade e piazze di grande suggestione. In particolare, la splendida città di Barcellona è scenario delle vicende dei personaggi creati da tre autori: Carlos Ruiz Zafón con la sua trilogia del Cimitero dei libri dimenticati, Manuel Vázquez Montalbán con il suo detective gastronomo Pepe Carvalho e Alicia Giménez-Bartlett con la sua ispettrice di polizia Petra Delicado. Un week end a Barcellona sarà quindi più interessante se lo dedichiamo alla scoperta dei luoghi dove agiscono i nostri protagonisti preferiti. È quello che vi invita a fare l’Hotel Duquesa de Cardona, delizioso boutique hotel situato strategicamente al Mirador de Colom, con una vista magnifica sul porto e sul mare, a due passi dai quartieri più antichi di Barcellona, il Barrio Gotico e il Raval. La fresca aria autunnale è propizia per le passeggiate sulle tracce dei nostri eroi e stuzzica l’appetito per concludere la giornata gustando le tapas o altri saporiti piatti tipici spagnoli. Non solo, i prezzi autunnali di aerei e hotel sono decisamente convenienti!

 

Carlos Ruiz Zafón e il Cimitero dei Libri Dimenticati

I luoghi descritti da Zafón sono diventati un itinerario turistico che si può seguire con una guida. Il percorso dura due ore e mezza. Il suo romanzo più famoso, L’ombra del vento, si svolge a Barcellona tra gli inizi del XX Secolo con gli splendori del modernismo (come si chiama il Liberty spagnolo) fino al dopoguerra. Seguendo i passi di Daniel Sempere, Julián Carax, Fermín Romero de Torres, si parte dal nucleo più antico fino ad arrivare ai quartieri collinari.

Il Cimitero dei libri dimenticati, citato oltre che nell’Ombra del vento anche nel Gioco dell’angelo e nel Prigioniero del cielo, non esiste, ma la via dove si dovrebbe trovare è un vicoletto nel Raval chiamato Carrer de l’Arc del Teatre. Da qui si va alla Calle de Santa Ana, dove è situata la libreria specializzata in edizioni per collezionisti della famiglia Sempere. L’antica e splendida Plaça Reial, delimitata da portici e ornata da palme e da eleganti lampioni disegnati da Gaudí, è un altro luogo descritto nel libro. A questo punto, per rinfrescarsi, seguendo l’esempio dei protagonisti dell’Ombra del Vento, è consigliabile gustare un frizzante spumantino locale allo Xampanyet, un popolare e divertente tapas bar sempre affollato. Il tour si conclude sulla collina del Tibidabo, dove si trova anche la villa in rovina dove si conoscono i protagonisti del romanzo Marina. Per il pranzo, un buon suggerimento per entrare ancor più nell’atmosfera dei luoghi è El Quatre Gats (I quattro gatti), in Calle de Montsió 3, ristorante storico inaugurato nel 1897 al pianoterra di un bellissimo edificio modernista, frequentato anche da Picasso e Utrillo.

 

Manuel Vázquez Montalbán e Pepe Carvalho

L’itinerario parte dal Raval, il quartiere di Barcellona dove Montalbán e nato e cresciuto. Vicino alla casa natale dello scrittore c’è infatti una piazza cui recentemente è stato dato il suo nome. Il Raval è un antico quartiere multietnico in piena trasformazione urbanistica che sta diventando di moda e vede l’apertura di alberghi e ristoranti di tutti i generi e la chiusura purtroppo di locali mitici come Casa Leopoldo, il ristorante preferito di Montalbán, tempio della cucina popolare spagnola. Al limite tra il Raval e la Rambla si trova il magnifico mercato della Boqueria, un trionfo di jamón serrano e patanegra, di quesos provenienti da tutte le regioni, carne e pesce, frutta e verdura. Qui si può fare uno spuntino – come Pepe Carvalho – al Bar Pinotxo, accompagnato da un bicchiere di cava, lo spumante locale. D’altronde non si può parlare dell’investigatore senza parlare della gastronomia spagnola. Ristoranti, bar e coctelerie fanno parte delle sue indagini, naturale conseguenza della predilezione per la cucina del suo creatore, raffinato intenditore ed eccellente scrittore di arte culinaria. L’accogliente Can Llouis, al Raval, propone addirittura un menu a lui intitolato che comprende un piatto di agnello. Per una cena più ricercata Pepe però andrebbe a Ca L’Isidre, in Carrer de les Flors, decorato con le tradizionali maioliche e boiserie, tra i cui clienti figurano perfino il Re Juan Carlos e il super chef Ferran Adriá.

Oltre ai libri e ai saggi, Montalbán ha prodotto anche l’intrigante Ricette Immorali e Le ricette di Pepe Carvalho, estrapolate dai suoi romanzi, ognuna accompagnata dal brano letterario in cui viene citata. Da provare per una cena tra amici, proclamando il suo motto preferito “Bisogna bere per ricordare e mangiare per dimenticare”.

 

Alicia Giménez-Bartlett e Petra Delicado

In una sua intervista, Alicia Giménez-Bartlett ha dichiarato che sono gli scrittori di novelas negras (i noir spagnoli) a darci il ritratto più vivido di una metropoli cosmopolita e all’avanguardia come Barcellona, toccando temi di attualità. Dal punto di vista architettonico Barcellona non è caratterizzata solo dal medioevo, il gotico e il modernismo. Le Olimpiadi del 1992 hanno operato una vera e propria rivoluzione, soprattutto nella zona lungo il mare, creando viali, infrastrutture e porti moderni. La città si vanta di avere chilometri di spiagge balneabili con acqua pulitissima nel centro urbano ed ha inaugurato numerosi edifici colossali progettati da architetti di rinomanza internazionale che hanno cambiato il suo skyline.

 

L’ispettrice Petra Delicado, una donna grintosa e ironica, pluridivorziata, poco sentimentale, indaga con l’aiuto del suo grassoccio e tradizionale vice Fermin Garzón negli ambienti più disparati della città. Lei consiglierebbe sicuramente di visitare le costruzioni che hanno dato a Barcellona un nuovo volto. Sono la Torre Agbar di Jean Nouvel, che si proietta verso l’alto come un getto d’acqua scintillante e colorato; il Forum di Herzog & de Meuron, gli stessi della Tate Modern di Londra e dello stadio “nido d’uccello” di Pechino; il Pesce d’oro di Frank Gehry, un monumento realizzato in acciaio color bronzo su cui si riflette il mare; il mercato di Santa Caterina di EMBT con il tetto ad onde di mosaico colorato; la torre per le comunicazioni di Norman Foster, perfetto esempio del suo stile high tech, con i meccanismi a vista; il Museo di Arte Contemporanea di Richard Meier e la Fiamma Olimpica di Santiago Calatrava.

 

Per il soggiorno la scelta migliore è indubbiamente l’Hotel Duquesa de Cardona.

Situato nel cuore di Barcellona, di fronte al porto e a pochi passi da Las Ramblas e dal Quartiere Gotico, l’hotel è ospitato in un antico palazzo nobiliare del XVI secolo, ristrutturato nel 1850 e recuperato come hotel di lusso nel 2003. Le parti nobili della costruzione e il ristorante mantengono lo spirito e lo stile della struttura originaria uniti ad un arredamento moderno. Dalla sua ampia terrazza – solarium si gode una magnifica vista sul porto, sul quartiere della Barceloneta e sul Porto Olimpico. Un’ampia scelta gastronomica di tapas d’autore, una selezione di piatti cucinati alla brace e il cocktail bar della Terrazza completano un’esperienza indimenticabile per i 5 sensi. 59 camere. Wi-fi gratuito.

Prezzo della camera doppia a partire da euro 180,00 a notte (senza prima colazione).

 

Hotel Duquesa de Cardona

Passeig de Colom, 12, 08002 Barcelona, Spagna

Telefono: +34 932 68 90 90

info@hduquesadecardona.com Internet www.hduquesa