Avventure di una ragazza cattiva

L’avevate già capito: quest’anno orientarsi nella scelta dello stivale è veramente cosa ardua. Varie tendenze si mischiano, oltre al chiaro richiamo agli anni ’80, zeppe, plateau, tacchi altissimi o bassi e larghi, decori etnici o stile militare…c’è di che confondersi!

Le migliori marche, come al solito, dettano legge, come i modelli di King, che spaziano dal gusto retrò dello stivale in cuoio bicolore, che veste la gamba fino al ginocchio, con tacco largo e grandi impunture a vista, a quelli più manifestamente da città, come l’esemplare di pelle marrone che arriva a metà polpaccio con un gambale morbido e la punta tonda e rialzata, o come quello di pelle nera, con gambale stretto e cuciture a vista, passando per modelli spiccatamente maschili, lineari e dal tacco basso, o, al contrario ricercati, come lo stivale, dall’aspetto un po’ vintage, di pelle color miele, cuciture in evidenza, tacco largo, punta tonda e una deliziosa fibbia di pietre dure come decorazione.

Cuciture a vista anche per Betty Flowers nell’originale stivale total black con plateau, tacco alto e gambale tubolare realizzato in pelle dall’effetto invecchiato, come pure sono a vista le cuciture del texano in camoscio, evidentemente maschile, caratterizzato da passanti e grosso tacco in legno a contrasto. Della stessa casa anche lo stivale da cavallerizza in pelle con tacco basso, punta tonda, zip laterale e cinturino incrociato alla caviglia.

Decisamente per chi ama stare sopra le righe sono le proposte di Nero di Sole, tutti modelli ricercati, come quello decorato da tante borchie dorate, gambale fino al ginocchio punta tonda, zeppa a contrasto in pelle effetto usato, o quello di pelle e tessuto tecnico con cuciture a contrasto, particolari di metallo lucido e suola di gomma, o ancora l’originale motociclista in pelle e tessuto tecnico con particolari bande elastiche incrociate ed il vezzoso logo tutto di strass. Effetto “used” anche per il modello con lacci a contrasto, inserti in tessuto tecnico microforato, gambale alto fino al ginocchio decorato da fibbia-gioiello. E se proprio non volete passare inosservate optate per gli stivali in pelle, ma con inserti di nappa laminata e stampa rettile a contrasto, zeppa sagomata e logo di strass.

Non si può passare inosservate neppure con lo stivale di Icone, realizzato in vitello, ha inserti di pelle a stampa pitonata a contrasto, tacco alto e punta “aggressiva”. La stampa pitonata è di moda anche per Nannini che la usa per rivedere il tradizionale stivale da cavallerizza, di pelle “antidata” con alto risvolto decorato da borchiette.

Alberto Guardiani propone modelli ricercati come gli stivali con zeppa e stringhe che fasciano il polpaccio, logo di strass e borchie, o quelli in camoscio elasticizzato, da sera, con grintoso tacco a cono decorato di grosse borchie, o quelli stile Barbarella di vinile bianco impunturato, tacco a cono “logato” AG e laccetti, ma anche modelli di chiara ispirazione maschile come per il modello militare con fibbie e paracolpi e punta affilata, o quello stile equitazione, molto “british” con mascherina stringata, in loden e pelle.

Di sicuro impatto anche i modelli di Cafè Noir, come il battagliero texano in pelle invecchiata, punta rialzata, cuciture in evidenza, profili in tessuto a contrasto come pure il tacco di legno, o il modello con plateau e zeppa sagomata, cuciture a vista, punta rialzata, alto fino al ginocchio, realizzato in camoscio lavorato con ricami bicolore a contrasto.

Di Laura Bellariva è lo stivale da cavallerizza di vitello, le cuciture a contrasto, punta tonda, gambale decorato con fibbia dorata, come pure uno stivale stile “hard rock” con lacci sul davanti, cerniera, punta sfilata, suola di gomma con tacco basso.

E anche questa volta non è finita qui…. Quest’autunno inverno 2006/7 ne vedremo davvero delle belle ai piedi delle signore, che potranno essere cavallerizze, motocicliste, texane, etniche o vagamente anni ’80, a loro piacimento!

SIMILAR ARTICLES