A LISBONA GIUGNO E’ DEDICATO A “LAS FESTAS”

Giugno è alle porte e la città è un turbinio di colori e in Portogallo arrivano le feste più attese dell’anno con la consueta e ricca programmazione. Giugno è il mese delle “Festas”, feste popolari in onore dei santi. Troni dedicati al santo più amato della città, anche se non è il patrono, Santo Antonio. Marce popolari dove i quartieri si sfidano a suon di musica, balli e coreografie. Fado e fumi di sardine che si intrecciano nell’aria con i colorati festoni che vengono appesi tra i palazzi della città. “Las Festas de Lisboa” continuano per tutto il mese, con eventi musicali, teatrali, artistici e religiosi. Per scoprire la città, non ti resta che organizzare il tuo soggiorno visitando il sito di scambio casa HomeExchange.

“Las festas de Lisboa” comprendono un mese intero di eventi per i quali i quartieri del centro diventano teatri e palcoscenici: musica, teatro, danza, installazioni artistiche si aggiungono alle feste religiose; le strade vengono addobbate con ghirlande e emozionanti esibizioni di fado hanno luogo nel castello di San Giorgio.

Giugno è il mese festivo per eccellenza a Lisbona, in cui una serie di eventi, tra cui le Festas dos Santos Populares (Feste dei Santi Popolari) San Giovanni e San Pietro, fanno da cornice alla grande celebrazione dedicata a Sant’Antonio. Sant’Antonio, molto venerato a Lisbona e considerato il vero patrono della città, è al centro di questi festeggiamenti che culminano nella notte del 12 giugno, con la sfilata delle “marchas populares” (marce popolari) lungo l’Avenida da Liberdade. Il pomeriggio del 13, si svolge invece la processione dedicata a Sant’Antonio, che nell’immaginazione popolare aiuta a trovare marito, percorre le strade che circondano la Sé, caratterizzando in senso religioso i festeggiamenti e quel giorno si celebrano numerosi matrimoni collettivi.

Le notti sono animate da feste all’aperto nei quartieri tipici di Lisbona – Castelo, Mouraria, Graça, Alfama, Ajuda e Bairro Alto – che si riempiono di musica e di danze al ritmo delle canzoni popolari. Addobbate di ghirlande e palloncini colorati, le strade sono invase dal profumo delle sarde arrosto e dall’aroma del basilico, accompagnati da un garofano di carta e da una strofa in rima che allude a Sant’Antonio. Tra spettacoli improvvisati da artisti di strada, canti, balli, processioni religiose, concerti ed il vociare di migliaia di abitanti e turisti che prendono parte alla ricorrenza. In tutto questo mix non manca, ovviamente, il fado portoghese che rispecchia l’anima del Paese.

Non possono mancare, come in ogni festa popolare che si rispetti, le usanze enogastronomiche: in questi due giorni infatti vengono allestiti in tutti i vicoli e piazzette chioschi e tavolini in cui si mangiano il ‘caldo verde’ (zuppa di cavolo verde) e le sardine alla brace, preparate per strada e accompagnate da vino verde e birra portoghese.

Giugno è anche il mese per il trionfo della musica soprattutto jazz, tanti infatti i concerti in tutta la città. Cantanti e musicisti più o meno conosciuti si esibiranno “en plein air” con performance di jazz e soul tutte le domeniche d’estate.