E319, L’ADDITIVO CHE MINACCIA IL NOSTRO SISTEMA IMMUNITARIO

Pubblicato il 7 aprile, uno studio della State University of Michigan (USA) rivela che il butilidrochinone terziario (BHQT), un additivo alimentare meglio noto come E319, minaccia il nostro sistema immunitario e aumenta la vulnerabilità dei consumatori al virus dell’influenza. Bandito in diversi paesi come il Giappone in particolare, l’E319 rimane invece autorizzato in Europa o negli Stati Uniti, dove viene utilizzato per la conservazione di alimenti e le preparazioni industriali ad alto contenuto di grassi.

In altre parole, è impossibile produrre un elenco esauriente di prodotti contenenti butilidrochinone terziario perché è presente quasi ovunque nella dieta industriale e nei suoi ingredienti. Sotto forma di tracce o in quantità maggiori, E319 è stato trovato ad esempio in noci industriali, gelati, popcorn, creme spalmabili, bocconcini di pollo, patate surgelate, patatine, cracker, cereali, latte in polvere, olio vegetale e pesce, nella cottura di grassi animali, miscele per torte, carne e pesce disidratati o congelati, zuppe disidratate.

Immergersi in un ristorante fast food o consumare piatti industriali freschi o surgelati è certamente una buona idea per l’utilizzo di butilidrochinone terziario. Il problema, secondo Robert Freeborn, studente di dottorato e Cheryl Rockwell, professore di farmacologia e tossicologia che ha condotto lo studio per l’Università del Michigan, è che l’E319 rappresenta una seria minaccia per il nostro corpo.