LIBRI SOTTO L’ALBERO

Ecco i libri da regalare e regalarsi. Tutti Ediciclo Editore.

Un libro per gli amanti del viaggiare slow, per tutti coloro che amano percorrere i chilometri con il naso appiccicato al finestrino. Paolo Merlini, soprannominato “l’esperto di vie traverse”, è uno specialista di trasporto pubblico locale: per lui la corriera è un microcosmo che ti accoglie, che ti culla, e che ti porta via lontano. Ne LA FELICITA’ VIAGGIA IN CORRIERA vi consiglierà itinerari insoliti per costruire il portolano sentimentale di un’Italia nascosta, attraversata da vecchie strade secondarie.

Se siete collezionisti della collana “Piccola filosofia di viaggio”, vi aspettano ben due nuovi libricini da aggiungere alla vostra biblioteca personale. Dopo il successo de “La voce delle case abbandonate”, Mario Ferraguti ritorna con una curiosa ricerca per riuscire a stanare qualcosa di inafferrabile: il vento. Un viaggio nei luoghi, negli anfratti in cui il vento s’infila, anche dentro i corpi, le parole, per scoprire che è ovunque e ha mille aspetti e nomi. LA BALLATA DEL VENTO, un  piccolo ma ostinato inseguimento.

Ritorna in libreria anche Michele Marziani che vi accompagnerà in un viaggio coraggioso, quello dentro di voi. Un piccolo libro sull’incanto della solitudine, una dimensione faticosa ma bellissima dove tutto può essere più autentico, a patto di essere sinceri con se stessi.Occorrono fortuna e buona salute, ma non sono requisiti sufficienti: la solitudine bisogna conquistarla.  IL SUONO DELLA SOLITUDINE, piccole storie da raccontare a te stesso.

E infine… avreste voglia di percorrere 12.000 km da Verona a Mosca su una Fiat Panda degli anni Ottanta? Salite a bordo del pandino di Marco Rizzini che si è licenziato ed è partito verso Est insieme ai suoi due amici e ha attraversato Balcani, Turchia, Georgia, Azerbaigian, Kazakistan, Uzbekistan per ritornare poi attraverso la vastità della Russia, passando deserti e città sante. “È un libro di viaggio e di conoscenza, un libro per tutti quelli che sognano orizzonti lontani ma che al contempo hanno a cuore la propria casa”  parola di Nicolai Lilin, autore della prefazione a PANDA O MORTE.

ediciclo