Il ministro della difesa francese, Herve Morin, ha reso noto un progetto di legge per risarcire le persone che hanno subìto danni in seguito ai test nucleari effettuati dalla Francia in Algeria e in Polinesia tra il 1960 e il 1996. Il progetto sarà discusso in parlamento entro giugno. Un fondo di dieci milioni di euro è già stato stanziato per il primo anno. In seguito ai test francesi si sono ammalate
circa 150mila persone, tra civili e militari.