Un ospite d’eccezione

L’importante filo d’Arianna che legherà in una proficua collaborazione l’Amministrazione comunale di Città di Castello e la National Gallery di Londra è ammirabile nella mostra “Gli esordi di Raffaello tra Urbino, Città di Castello e Perugia”, in programma fino all’11 giugno a Palazzo Vitelli alla Cannoniera, sede della Pinacoteca comunale della bella cittadina umbra. La “Predica di San Giovanni Battista” è un prestito dal valore incommensurabile: tavola superstite della predella della pala Ansidei, dipinta nel 1505 dal genio urbinate per la cappella omonima della chiesa di San Fiorenzo a Perugia, rappresenta per il curatore della mostra, Francesco Federico Mancini quella “centralità rivestita da Città di Castello in anni da ritenere decisivi per la formazione di Raffaello”. Dunque, uno splendido e fruttuoso connubio che diviene fondamentale periodo della storia dell’arte italiana: la nascita della formidabile personalità artistica del giovane Raffaello. Durante questo evento, tornerà a essere visibile al pubblico anche il Gonfalone della Santissima Trinità di Raffaello, che si trovava da oltre un anno all’Istituto Centrale del Restauro di Roma: il risultato di questo intervento ha riportato alla luce particolari dell’opera per lungo tempo nascosti agli stessi studiosi dell’arte. Nel percorso espositivo, si incontrerà anche Santa Caterina d’Alessandria, conservata alla Galleria Nazionale di Urbino e gli Studi per il Padre Eterno, provenienti dal British Museum di Londra, oltre a un’ampia sezione dedicata alla parte documentaria, con una serie di testi fondamentali per ricostruire e comprendere il percorso artistico di Raffaello nel suo periodo tifernate. Eugenia Zangardi Gli Esordi di Raffaello tra Urbino Città di Castello e Perugia Palazzo Vitelli – Via Della Cannoniera 22 – 06012 Città di Castello (PG) Tel. +39.075.8554202 – fax +39.075.8554639 Biglietteria +39.075.8526683